BRUTTO AVVIO DI CAMPIONATO

MONTELUPO: Lensi, Cupo, Mattei (85’ Buzzi), Brogi (85’ Gori), Corsinovi, Bagnoli, Marrazzo (75’ Rosi), Beconcini (70’ Granato), Anedda, Ndaw, Leoncini (80’ Garunja). A disp.: Consani, Bruno, Carli, Romanelli. All.: Lucchesi A.

RIGNANESE: Vestri, Fagioli, Merola (77’ Molinu), Sottili, Pruneti, Spiga, Bevicini (70’ Giuffrè), Cardi (75’ Fabbri), Mande (55’ Sagnini), Kuqi, Ciancaleoni (83’ Lalaj). A disp.: Chiti, Calcinai, Casalini, , Landini. All.: Lucchesi F.

ARBITRO: Subhan di Pontedera (assistenti Gentili di Grosseto e Sordi di Firenze).

RETI: 30’ Mande, 80’ Ciancaleoni.

NOTE: Espulsi Ndaw (M) al 40’ e Spiga (R) al 70’

ALTRO SCHERZETTO DEL CUGINO

Così come l’anno scorso Montelupo è ancora terra di conquista per il montelupino Francesco Lucchesi, che con la sua Rignanese espugna di nuovo il “CASTELLANI”, nel derby in famiglia contro il cugino ANDREA LUCCHESI. Il tecnico amaranto, oltre all’infortunato GIACOMO CERBONI, che ne avrà ancora per diverse settimane, ha dovuto rinunciare all’esperienza del portiere RICCARDO DELFINO e del difensore centrale FEDERICO BUZZI, entrato soltanto nei minuti finali, oltre all’imprevedibilità dell’attaccante ELHAJI GUEYE. Tra i pali ha fatto il suo esordio ANDREA LENSI, samminiatese classe ’98 cresciuto nei settori giovanili di Tuttocuoio e Scandicci prima di collezionare 24 presenze in Eccellenza col Signa nel 2019-’20 (poco fortunate invece le ultime due esperienze al Ponsacco e alla Cuoiopelli). A differenza delle precedenti due uscite di coppa, però, gli amaranto sbagliano completamente approccio alla gara consegnandosi per i primi venti minuti nelle mani dei biancoverdi ospiti, autentici padroni del campo. Due ottimi interventi dell’esordiente LENSI hanno permesso di rimanere sullo 0-0 al Montelupo, che col passare dei minuti ha iniziato a prendere le misure agli avversari, riducendo la pressione nella propria metà campo ma al 30′ la Rignanese trova ugualmente la rete del vantaggio con Mande. La reazione locale non arriva e, anzi, poco prima dell’intervallo la situazione si complica quando il direttore di gara mostra il cartellino rosso ad ALIOUNE NDAW.

RIPRESA CON SEGNALI DI RISVEGLIO, MA TROPPO STERILI

Dopo l’intervallo i ragazzi di ANDREA LUCCHESI hanno provato a reagire cercando di venire a capo del bandolo della matassa, ma anche dopo la ritrovata parità numerica per l’espulsione del difensore ospite Spiga, non sono arrivate occasioni degne di nota per pareggiare. Così la Rignanese ha sostanzialmente vita facile nel gestire il vantaggio e anzi, a dieci minuti dal triplice fischio finale, riesce anche a raddoppiare in contropiede con Ciancaleoni. Un passo indietro, quindi, da parte della truppa amaranto rispetto a quanto fatto vedere nelle due sfide di Coppa Toscana e nelle amichevoli estive, ma il campionato è appena iniziato è c’è tutto il tempo per tornare sulla strada giusta, a partire dall’anticipo di sabato prossimo in casa dell’Athletic Calenzano.

“Dopo l’ottimo pre-campionato che ci aveva portato ad avere tante certezze – commenta il direttore sportivo, Massimiliano Gori – questo avvio di campionato non è stato come ce lo aspettavamo. L’approccio alla gara non è stato ottimale e nel resto della partita non siamo riusciti ad invertire l’inerzia dell’incontro. Una partita giocata male, ma non c’è da fare drammi”

La foto in copertina è stata presa dal profilo Facebook dell’Assessore allo Sport di Montelupo, Simone Focardi